Università Cattolica del Sacro Cuore

Area di filosofia del linguaggio

Le ricerche dell'area di filosofia del linguaggio mirano a rendere sempre più manifesto il legame, intrinseco e intrascendibile nell’umana condizione, tra l’esercizio del pensiero filosofico e la sua manifestazione verbale.  Vengono quindi coltivate la teoria semantica e pragmatica, la loro storiografia ed epistemologia, con particolare riferimento alla terminologia filosofica, linguistica e alla sua traduzione, al plesso logico-gnoseologico-ontologico-valutativo attivato dal linguaggio, in specie riguardo a rilevanza astrattiva e integralità dei dati, categorizzazione, predicazione, indicalità e quantificazione, e con particolare cura riservata alla relazione tra plurilinguismo e facoltà di linguaggio, in contesti cólti tanto quanto in situazioni di emergenza, come quelle legate alle migrazioni contemporanee o ai disturbi specifici del linguaggio. Le indagini mirano in particolare a identificare e correlare le diverse accezioni di ‘forma’ coinvolte negli studi sul linguaggio – forma linguistica (esterna ed interna, figurativa e costruttiva), morfologia derivazionale, micro- e macrosintassi, forma logica, informazione con le relative codifiche in campo tecnologico e formato di comunicazione – e a calibrarne le correlazioni: forme e contenuti, forme e funzioni, forma e materia. È in corso inoltre un progetto di annotazione computazionale, sintattica e semantica, di testi dell’opera omnia di Tommaso d’Aquino, ed è prossimo al compimento un progetto di edizione, traduzione e commento di note e postille di Alessandro Manzoni su temi e problemi di filosofia del linguaggio.

Gli incontri del Seminario di semantica vengono pubblicizzati tramite la newsletter del Dipartimento.