Università Cattolica del Sacro Cuore

Linee di ricerca

Linee di ricerca triennali a.a. 2021/2023

 

Storia greca

 

Prof.  C. Bearzot

 

La prof. C. Bearzot è impegnata nel progetto triennale (2018/19-2020/21) di ricerca internazionale Oligarques et oligarchie à l'époque classique - et au-delà (diretto da D. Lenfant e L. Quattrocelli), promosso dalla MISHA (Maison Interuniversitaire de Sciences de l’Homme- Alsace) di Strasbourg. Nell’ambito di tale progetto ha redatto il commento a Senofonte, Elleniche II, 2, 10-24 – II, 3, 14, in collaborazione con Estelle Oudot. Ha redatto inoltre il commento a Lys. XII, 4-24, 43-45, 53-60, 68-78 e XIII, 5-17, nonché al Papiro di Teramene, sempre in collaborazione con la Oudot.

Partecipa al progetto interno "Le exterae gentes in Valerio Massimo", con una ricerca sui tiranni e i legislatori.

Sta lavorando alla preparazione degli interventi per i seguenti convegni:

  • Giornata di studi in onore di Renzo Tosi, febbraio 2021;
  • "La presenza del teatro greco. Strutture, politica, società, eredità”, Chieti marzo 2020;
  • 23th International Congress of Historical Sciences, Poznan agosto 2021
  • “Nachbarschaft im föderalen Griechenland: Kooperation und Krieg in lokaler und regionaler Perspektive/Neighborhood in the Greek federal state: cooperation, competition and local-regional tension“, Trento ottobre 2021;
  • “Emozioni individuali e passioni collettive nel mondo greco: attestazioni storiche, teorizzazioni filosofiche, rappresentazioni letterarie, manifestazioni religiose, Bologna autunno 2021.

 

Prof. Fr. Landucci

 

La prof. F. Landucci ha pubblicato una serie di articoli legati alla storia del primo Ellenismo e cinque voci in W. Heckel – J. Heinrichs – S. Müller – F. Pownall (eds.), Lexicon of Argead Makedonia, Berlin 2020. Nel frattempo ha continuato a lavorare, da un lato, sulla presenza dei membri della dinastia argeade in Valerio Massimo, dall’altro, al commento storico della parte greco-orientale dei libri XIX-XX della Biblioteca storica di Diodoro Siculo, commento che verrà concluso nel corso dell’anno accademico 2021-2022.

           

          

Dr. P.A. Tuci

 

Il dott. P.A. Tuci è impegnato nel progetto triennale (2018/19-2020/21) di ricerca internazionale Oligarques et oligarchie à l'époque classique - et au-delà (diretto da D. Lenfant e L. Quattrocelli), promosso dalla MISHA (Maison Interuniversitaire de Sciences de l’Homme- Alsace) di Strasbourg. Prosegue inoltre il lavoro di ricerca su Clidemo, per l'edizione commentata dei frammenti nella collana dei Frammenti degli storici greci (ed. Tored, Tivoli).

Partecipa altresì: al progetto interno "Le exterae gentes in Valerio Massimo", con una ricerca sulla Grecia classica; al progetto “La presenza del teatro greco. Strutture, Politica, Società, Eredità”, coordinato dall’Università "G. d'Annunzio" di Chieti-Pescara; al volume miscellaneo curato da A. Kapellos, Orators and Recent Past, per la collana Trends in Classics (De Gruyter).

 

 

Storia romana

 

Prof. G. Zecchini

 

Il prof. G. Zecchini, dopo aver concluso il commento storico all’Epitome di Giustino (il III e ultimo volume è uscito nel febbraio 2020), si sta occupando di coordinare nel prossimo triennio (2021-2023) il commento storico a Solino, di approfondire tematiche polibiane (Polibio e la translatio imperii) e postsillane (Geopolitica e cultura teatrale a Roma a metà del I secolo a.C.), mentre intende riprendere le sue ricerche sui rapporti romano-unni. Organizzerà nel maggio 2021 l’Historiae Augustae Colloquium Romanum presso l’Istituto Italiano per la Storia Antica.

 

 

Prof. A. Galimberti

 

Il prof. A. Galimberti prosegue i suoi studi sul primo principato e su Erodiano nel corso del 2021 sarà pubblicato il volume Herodian’s world per l’editore Brill di cui è curatore e autore di un saggio. Inoltre ha in preparazione un’ampia sintesi sul principato da Commodo ai Severi per l’editore Carocci.

 

 

Dott. A. Barzanò

 

Il dott. A. Barzanò prosegue le sue ricerche sulla storia della fase preromana e della conquista romana della pianura padana iniziate con l’introduzione storica alla pubblicazione degli scavi di via Moneta a Milano e la stesura dell’introduzione storica al catalogo della mostra su Bergamo romana. Ha inoltre steso un articolo sulla cosiddetta “peste antonina” (in corso di pubblicazione) e ha sviluppato e portato a compimento con la pubblicazione di un articolo (attualmente già consegnato per la pubblicazione) una ricerca sulle scelte di politica linguistica del primo Cristianesimo. Ha infine ripreso, per svilupparle ulteriormente al fine della stesura di una monografia (pubblicazione prevista tra il 2021 e il 2022), una serie di precedenti ricerche svolte sulla figura e sull’opera dell’imperatore Costantino, focalizzando particolarmente l’attenzione su cause, dinamica di svolgimento, conseguenze della battaglia di Ponte Milvio e sul parallelo istituito dalla propaganda ufficiale dell’età fascista tra Costantino e Benito Mussolini.

 

 

Dott. M. Raimondi

 

La dott.ssa M. Raimondi ha in corso ricerche sulla figura di Quinto Cecilio Metello Macedonico e sulla cancelleria papale nel IV secolo.

 

 

Storia Medievale

 

Prof.ssa M. P. Alberzoni

 

La prof.ssa Maria Pia Alberzoni proseguirà le ricerche da tempo avviate in merito alla vita religiosa femminile ispirata all’esempio di Chiara d’Assisi e della comunità di S. Damiano ad Assisi, nelle sue diverse realizzazioni (è in stampa un articolo sulle origini delle Domenicane); è in elaborazione una nuova biografia di Chiara d’Assisi, che sarà pubblicata nel 2022 dall’Editore Carocci.

In un contributo per una Festschrift riconsidererà i testi e la tradizione agiografica relativa ad Agnese di Assisi, la sorella di Chiara; è poi prevista la partecipazione a due convegni, dedicati a frate Elia di Assisi. Ancora nell’ambito degli studi francescani è in corso l’elaborazione di un articolo su “Francesco d’Assisi e la Chiesa romana tra storiografia e ideologia”, frutto di una relazione presentata a un convegno nello scorso mese di ottobre.

Sempre nel campo della Storia religiosa è in corso di elaborazione un saggio sulle eresie in Italia nel pieno medioevo, che costituirà un capitolo di un manuale americano, dedicato alla storia religiosa dell’Italia.

Prosegue la ricerca collettiva, avviata presso la nostra Università, sulle manifestazioni del consenso; in vista della pubblicazione di un ampio saggio, l’attenzione si concentrerà soprattutto in ambito comunale (secoli XII-XIII), con particolare riferimento alla rivalutazione del modello romano in quanto legittimante le nuove esperienze di governo; in collaborazione con il prof. Lucioni, l’indagine si sposterà a considerare le manifestazioni del consenso (e del dissenso) in ambito monastico e nei capitoli generali/provinciali dei frati Mendicanti (Predicatori e Minori). È previsto un convegno (organizzato online per il prossimo mese di febbraio) con particolare focus sulle manifestazioni del dissenso; mentre nel settembre 2021 presso il centro italo-germanico di Villa Vigoni si terrà un convegno internazionale sulle manifestazioni del consenso e del dissenso in età medievale.

Continua anche l’indagine sulle forme di rappresentanza papale nel pieno medioevo, soprattutto legati e delegati; è in elaborazione anche un saggio sulla carità promossa dal vescovo a Bologna nel pieno medioevo. Sarà inoltre avviata una ricerca sui mutamenti nel governo del Comune di Milano nel XIII secolo, in vista di un convegno organizzato presso l’Università Cattolica di Eichstätt (DE) per la fine del 2021.

 

 

Prof. A. Lucioni

 

Il prof. Alfredo Lucioni nel corso del triennio 2021/2023 proseguirà le ricerche per il reperimento e la edizione di documentazione inedita duecentesca del territorio del comitato del Seprio, finalizzate alla pubblicazione di un volume in collaborazione con studiosi della Università degli studi di Milano e della Università dell’Insubria. In parallelo a questo lavoro predisporrà una rassegna delle fonti edite del succitato territorio dal Settecento a oggi e affronterà il tema delle strutture pievane nella fascia prealpina lombarda.

In continuità con studi compiuti in tempi recenti, approfondirà alcuni aspetti finora trascurati del regno di Arduino per definire la rete dei fiancheggiatori che sostennero l’effimero sogno regio del marchese d’Ivrea.

Continuerà anche il lavoro di riflessione sulla formazione e l’organizzazione delle reti monastiche nel pieno medioevo, a partire dal caso di studio della abbazia di San Benigno di Fruttuaria, con una prima sintesi che apparirà in un volume di prossima uscita (Handbuch der benediktinischen Ordengeschichte); con una relazione focalizzata sulle forme di dissenso all’interno del gruppo monastico, che verrà presentata a un convegno in programma nel prossimo febbraio, e con la ricomposizione virtuale dell’archivio abbaziale nello stato in cui si trovava al momento della soppressione del cenobio all’inizio dell’Ottocento.

 

 

Storia moderna

 

Prof. A. Bianchi

 

Il prof. A. Bianchi sarà impegnato 1) nella stesura dell’articolo Giulio Salvadori a Tommaso Gallarati Scotti. Lettere inedite (1900-1928), che pubblica un nucleo di 42 lettere di G.S., primo professore di Letteratura italiana e di Critica dantesca della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica di Milano al duca Tommaso Gallarati Scotti, per la rivista «Aevum»; 2) nell’opera di revisione e di aggiornamento dell’introduzione della Ratio atque institutio studiorum societatis Iesu, 1599, in vista di una nuova edizione dell’opera (2021) (Editrice Morcelliana, Brescia); 3) nella preparazione della relazione dal titolo Virtù femminili, stati di vita, educazione: monache, semireligiose, laiche, per il convegno «La virtù tra paideia, politeia ed episteme: una questione di lungo periodo», presso l’Università di Pavia (rinviato per ragioni di pandemia alla primavera 2021); 4) nella preparazione della relazione Il ruolo dell’Università Cattolica nella società italiana alla luce del Concilio Vaticano II (le linee programmatiche del rettorato Franceschini), come contributo al Convegno per il centenario dell’Università Cattolica (settembre/ottobre 2021).

 

 

Prof. E. Pagano

 

Il prof. E. Pagano attualmente è impegnato nelle seguenti linee di ricerca, sulla scorta di fonti inedite d’archivio, fonti edite e bibliografia di settore: 1) Conflitti e controllo del territorio: forze di polizia e corpi militari, devianza criminale, reclusione e schiavitù in alcuni Stati italiani (secoli XVI-XIX). Studio comparativo. 2) Immigrazione nelle città italiane (secoli XVI-XIX).

Per quanto attiene al primo ambito, sul tema della reclusione ha concluso un paio di articoli sulla schiavitù e il riscatto di sudditi asburgici originari dello Stato di Milano caduti nelle mani dei corsari barbareschi, di imminente uscita: Sudditi milanesi schiavi dei barbareschi. Riscatti, procedure, profili (secoli XVI-XVIII), “Mediterranea. Ricerche storiche”, n. 50 (2020); e «La libertà trionfante». Orazioni settecentesche per il ritorno degli schiavi riscattati nella patria milanese, in “Rivista di storia della Chiesa in Italia”, 2020, II. Sul tema del militare, in particolare, nel quadro del programma nazionale di eventi previsti per il 2021 in occasione del bicentenario della morte di Napoleone (“Fu vera gloria? L’epopea napoleonica in Italia e la sua eredità”), sta preparando una relazione per il convegno organizzato (marzo 2021) dall’unità Milano Università Cattolica-Accademia Ambrosiana, sul tema Milano napoleonica: la città militare. Forze armate, corpi paramilitari, caserme. Sul controllo poliziesco del territorio ha concluso una ricerca sul caso mantovano dal titolo I Capi di Compagnia di Mantova (secoli XV-XVIII), di prossima pubblicazione in L. Antonielli (a cura di), La società e il territorio: il controllo attraverso fiduciari, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Per quanto riguarda il secondo ambito, ha da poco pubblicato, come curatore, il volume Immigrati e forestieri in Italia nell’Età moderna (secoli XV-XIX), Roma, Viella, 2020; e sta preparando un articolo dal titolo Sposi a Milano. Immigrazione, analfabetismo, lavoro nella capitale napoleonica.

 

 

Prof. A. Tanturri

 

Il prof. A. Tanturri nel triennio 2021/2023 svilupperà tre filoni di ricerca: 1) La curatela di una sezione monografica della rivista “Nuova secondaria” dedicata al tema Le grandi epidemie nella storia. La sezione raccoglierà saggi di Renato Sansa, David Gentilcore ed Eugenia Tognotti, dedicati rispettivamente alla peste, alla sweating sickness e al colera, oltre ad uno del sottoscritto, dedicato al vaiolo. La pubblicazione è prevista entro l’anno solare 2021; 2) La stesura del contributo per gli atti della Summer School 2020 del Dottorato di ricerca in Studi umanistici. Tradizione e contemporaneità, dal titolo provvisorio Dal viaggio alla segregazione forzata: quarantene e cordoni come strumenti di politica sanitaria in età moderna; 3) L’avvio della stesura della monografia sull’epidemia colerica del 1836-37 nel Mezzogiorno, per la quale sono state completate di recente le indagini archivistiche, con due soggiorni di studio, rispettivamente a Napoli (17-21 agosto 2020) e a Bari (25-26 agosto 2020). È prevista inoltre la stesura della recensione al seguente volume: A. Samson, Mary and Philip. The marriage of Tudor England and Habsburg Spain, Manchester, Manchester University Press, 2020, da pubblicare sul numero 3 (2020) della rivista “Aevum”.

 

Storia contemporanea

 

Prof. A. Giovagnoli

 

Nell'ultimo anno il prof. Giovagnoli ha curato il volume L'Italia e gli italiani dal 1948 al 1978, Rubettino, Soveria Manelli 2019 e ha pubblicato saggi su: Sturzo e la democrazia; le leggi razziali del 1938 in Italia; la rimozione della Sho0ah dalla memoria europea; l'ingresso dell'Italia nella Seconda guerra mondiale; le radici spirituali del Sessantotto. In particolare, le ricerche del prof. Giovagnoli riguarderanno "Religiosni, Stati e nazioni nel contesto della globalizzazione". Nella prospettiva tracciata da Wallerstein - e condivise anche da Peterson, Osterhammel ed altri - gli Stati moderni e, successivamente, gli Stati nazionali sono "compatibili" con la globalizzazione, ma tale prospettiva è stata finora poco verificata sul terreno della concreta indagine storiografica. Si intende perciò sviluppare una linea di ricerca e di riflessione che superi l'approccio dell'invenzione della nazione nella previsione della sua scomparsa, dominante a fine Novecento, per analizzare piuttosto quella che appare una permanenza/trasformazione dei popoli in contesti globali che cambiano. In questo quadro, saranno svolte indagine che verificano questi temi in relazione alla storia dell'Italia contemporanea e della Rpubblica popolae cinese nel contesto internazionale.

 

 

Prof. G. Del Zanna

 

Nell'ultimo anno il prof. Del Zanna ha curato il volume Il Vaticano e la Turchia. Dall'Impero ottomano a Erdoğan, Guerini, Milano 2020. Il volume comprende due suoi saggi, uno sulle relazioni tra Santa Sede e Impeto ottomano dalla fine del XIX secolo alla Prima Guerra Mondiale e un secondo sui viaggi in Turchia dei papi da Paolo VI a Francesco.

Ha pubblicato inoltre, su queste tematiche, i seguenti saggi:

 

  • Pellegrinaggi italiani in Palestina tra XIX e XX secolo, “Römische Historische Mitteilungen”, 61, 2019, pp. 163–176.
  • L’Italia in Oriente alla fine dell’Impero ottomano, in P. Ballini, A. Varsori, 19191920. I trattati di pace e l'Europa, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Venezia, 2019.
  • La fine dell’Impero ottomano: geopolitica, riforme e crisi del pluralismo, in Il tramonto degli Imperi (1918-2018), Roma, Aracne Editrice, 2020.
  • Guerra all'Impero, guerra ai cristiani: le radici della dissoluzione dell'Impero ottomano, in L. Valent (a cura di), La lunga guerra. I Balcani e il Caucaso tra conflitto mondiale e conflitti locali (1912-1923), Franco Angeli, Milano, 2020.
  • La Santa Sede e i nazionalismi mediorientali alla fine dell’Impero ottomano, in M. Agostino (a cura di), Santa Sede e cattolici nel mondo postbellico 1918-1922, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 2020.

In particolare, le ricerche del prof. Del Zanna riguarderanno "Comunità cristiane tra Medio Oriente ed Europa", con un filone di ricerca che verterà sulla politica orientale vaticana in Siria e Libano durante il pontificato di Pio XII, sulla base delle nuove fonti d'archivio vaticane, e un secondo filone relativo alla storia della comunità armena in Italia, specialmente nella seconda metà del '900.

 

 Prof. P. Borruso

 

Il prof. Borruso ha pubblicato il volume Debre Libanos 1937. Il più grave crimine di guerra dell’Italia, Laterza, 2020, una ricostruzione della strage avvenuta per mano italiana nel villaggio monastico di Debre Libanos nel maggio 1937, richiamando la comunità scientifica e l’attenzione pubblica sul più grave crimine di guerra dell’Italia mai ufficialmente riconosciuto; il saggio Cattolici e razzismo in Etiopia in La svolta del ‘38. Fascismo, cattolicesimo e antisemitismo, Guerini, 2020 e L’Eurafrica di Mario Pedini, Morcelliana 2020.

Per il 2021-2022, si prevede l’approfondimento di ricerche in corso, relative all'interazione con l’Africa subsahariana, secondo le seguenti direttrici:

a) il ruolo delle diverse confessioni religiose (cristianesimo, islam, culti tradizionali) nell’area del Corno d'Africa, caratterizzata da un’antica presenza sia cristiana (Eritrea, Etiopia) che islamica;

b) la politica “eurafricana” dell’Italia repubblicana nell’età postcoloniale, e che si concluderà tra il 2021 e il 2022 con la pubblicazione in una monografia;

c) partecipazione al convegno “Religioni e World History” (Università di Torino, autunno 2021).

 

 

Dott. A.A. Persico

 

Nel corso del 2019-20, il dott. Persico ha completato la voluminosa biografia del vescovo Adriano Bernareggi (Consul Dei. Adriano Bernareggi (1884-1953), Studium, Roma, 2019) e pubblicato saggi sul cattolicesimo lombardo e le leggi razziali, sul vescovo di Bergamo Luigi Maria Marelli e il fascismo, sul Seminario di Bergamo, su Pasquale Saraceno e il quarto centro siderurgico di Taranto, sulle missioni femminili bergamasche fra Ottocento e Concilio Vaticano II.

Nel corso del triennio 2021-2023 il dott. A.A. Perisco intende approfondire i seguenti argomenti di ricerca:

a) i pellegrinaggi in Palestina fra l’inizio del XIX secolo e la Prima guerra mondiale, con particolare attenzione agli aspetti internazionali relativi alla crescente competizione fra Stato italiano e potenze europee, all’interno dell’Impero Ottomano; alla dimensione spirituale e pastorale del viaggio in Terra Santa, con il passaggio dai pellegrinaggi individuali a quelli nazionali; alla scoperta di Gerusalemme quale Città santa per le grandi religioni monoteiste, luogo di una inedita e conflittuale contaminazione culturale e di un rinnovato dialogo fra le famiglie cristiane che s’inserisce nello sforzo unionista del pontificato di Leone XIII verso il mondo ortodosso; riguardo a questo argomento è in corso di completamento l'edizione critica, con corposo saggio introduttivo, del diario steso in Terra Santa dal cardinale Gustavo Testa nel 1913;

b) il cattolicesimo sociale e politico bergamasco, soprattutto per quanto riguarda la figura di Stanislao Medolago Albani, di cui ricorre il centenario della morte nel 2021 e di cui si stanno studiando i rapporti con i pontefici Leone XIII e Pio X, e il movimento elettorale provinciale, con i suoi risvolti in ambito comunale nella partecipazione al rinnovamento dello spazio urbano.

 

 

 Geografia

 

Prof. G. Lucarno

 

  • Completamento carta della toponomastica walser nel comune di Formazza (Vb), finalizzata alla sua presentazione al convegno geografico internazionale UGI di Lecce (maggio 2020, differito a maggio 2021; ampliamento dell’indagine al territorio del comune di Premia (Vb)).
  • Paesaggi e beni culturali in aree di confine e loro promozione turistica: il caso di Tornio-Haparanda; è parimenti prevista una presentazione al convegno geografico internazionale di Lecce (maggio 2021).
  • Approfondimento ricerca sulle dimensioni del turismo nel Cremonese, con la collaborazione della Provincia, in collaborazione con la dott.ssa Raffaela Gabriella Rizzo.
  • Completamento e pubblicazione ricerca sulla conservazione del paesaggio culturale attraverso il recupero cartografico della toponomastica del passato. Alcuni casi di studio italiani.
  • Ricerca sui metodi per la determinazione di un indice di overtourism in località ad elevata frequentazione turistica, applicato ad un caso di studio in provincia di Verbania.
  • Organizzazione con Raffaela Gabriella Rizzo di workshop in Università Cattolica su trasporti e logistica (20 aprile 2021).

 

Dott.ssa R.G. Rizzo

 

  • Stesura del capitolo “Sustainable Tourism in Istria (Croatia). Cultural routes and territorial identity as drivers for a local long-lasting development” nel volume internazionale curato da Trono A., Rizzo L.S, Masfeld “Sustainable Tourism and Cultural Routes in the Ionian and Adriatic Regions”.
  • Approfondimento della ricerca nell’ambito del progetto “Turismo musicale dal Grand Tour agli odierni itinerari culturali” (Linea D1, responsabile scientifico: Rosa Cafiero), in collaborazione con il Prof. Guido Lucarno.
  • Organizzazione di un Workshop “Vent’anni di progetti e realizzazioni ferroviaria nel quadro infrastrutturale del Nord Italia in collaborazione con le Ferrovie dello Stato – RFI e con il Gruppo di Lavoro A.Ge.I. “Geografia dei Trasporti e della Logistica” coordinato dal prof. Giuseppe Borruso dell’Università degli Studi di Trieste. Dal workshop scaturirà una relazione scritta da pubblicare su una rivista di settore.
  • Svolgerà attività nell’ambito della Commissione dell’International Geographical Union C16.26 Land Use and Land Cover Change in quanto membro del comitato scientifico della stessa.
  • Ulteriore approfondimento ricerca sul fenomeno delle locazioni turistiche in città di medie dimensioni con presentazione di un contributo su una rivista di fascia A di Geografia (11/B1), tema dell’assegno di ricerca di cui è titolare.