Università Cattolica del Sacro Cuore

RICOLMA

Il progetto “RIcupero Caratterizzazione COLtivazione del Mais Antico (RICOLMA)” è cofinanziato dall'operazione 16.1.01 del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna (PEI Agri Focus Area 4A).

Le varietà tradizionali locali o landrace di una specie coltivata sono popolazioni dinamiche che possiedono un’origine storica, un’identità definita non soggetta a un miglioramento varietale formale, hanno una certa variabilità genetica, sono adattate alle condizioni locali ed associate a un sistema colturale tradizionale.
Le landrace sono in genere meglio adattate, rispetto alle cultivar moderne, alle condizioni marginali e agli stress abiotici; inoltre sono in genere più interessanti dal punto di vista sensoriale e organolettico e quindi molto ricercate da parte di una nicchia di consumatori in forte espansione.
Tuttavia, a partire dai primi decenni del secolo scorso, in molte aree europee, e anche in Emilia-Romagna, si è verificata un’estinzione delle landrace, soppiantate da cultivar moderne più produttive, ma di solito meno interessanti sul piano del gusto. 
La loro scomparsa non è solo una perdita per i luoghi dove esse venivano coltivate tradizionalmente, ma rappresenta anche la perdita di importanti risorse fitogenetiche.
Scopo del progetto RICOLMA è valorizzare le varietà di mais tradizionali presenti in Emilia-Romagna, abbandonate da tempo nelle grandi colture, che rappresentano fonti di variabilità genetica per caratteristiche qualitative della granella e per l’adattamento all’ambiente. 

Obiettivi specifici

  • censimento, recupero e conservazione ex situ delle varietà tradizionali di mais;
  • caratterizzazione morfologica, in campi di confronto varietale, delle varietà tradizionali di mais;
  • caratterizzazione genetica e metabolica delle varietà tradizionali di mais;
  • caratterizzazione agronomica e tecnologica, in sperimentazione on farm,  delle varietà di mais tradizionali;  
  • determinazione delle caratteristiche qualitative delle farine ottenute dalle cariossidi; 
  • moltiplicazione del seme delle varietà tradizionali di mais da distribuire alle aziende agricole del progetto;
  • divulgazione/trasferimento delle conoscenze alle imprese agricole aderenti al progetto e a utenti esterni.  

Risultati attesi

  • costituzione di una banca semi e di  una banca dati sulle principali varietà tradizionali di mais presenti in Emilia-Romagna; 
  • dossier   contenente i descrittori morfologici e fenologici e i riferimenti storici per ogni varietà;
  • profilo genetico e della variabilità genetica esistente all’interno e fra le diverse accessioni;
  • profilo metabolico con particolare riferimento ai polifenoli e ai carotenoidi nella cariossidi di mais e al contenuto in composti tossici nelle foglie;
  • definizione delle caratteristiche agronomiche e produttive delle varietà;
  • definizione di proprietà antiossidanti, contenuto in micotossine e resa molitoria delle cariossidi e delle farine per produrre polenta e gallette
  • produzione di semente di mais tradizionali in collaborazione con le aziende agricole e le società sementiere che operano in Regione Emilia-Romagna;
  • pubblicazione dei risultati del progetto, con particolare riferimento ad una pubblicazione divulgativa delle varietà tradizionali di mais della Regione Emilia-Romagna;
  • attività di coaching alle aziende agricole coinvolte nel progetto e di informazione per le società sementiere e di trasformazione che intendono utilizzare le varietà tradizionali di mais per sviluppare nuove filiere produttive  e conservare il patrimonio storico e culturale alla base della biodiversità maidicola.


Capofila
UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE, Centro di Ricerca BioDNA 
Responsabile del Progetto: Prof. Adriano Marocco
Responsabile Scientifico: Prof. Matteo Busconi

Partner
Università degli Studi di Pavia, Dip. Scienze della Terra e dell’Ambiente (Prof. Graziano Rossi)
Centro Ricerche Produzioni Vegetali (CRPV)
Tenuta Utini Soc. Agr. (PR)
Soc. Agr. Ferri e Romagnani (RE)
Az. Agr. Catti Marco (RE)
Az. Agr. Marzocchi Arianna (RN)
Az. Agr. Demetra (RE)
Az. Agr. Scotti Roberto (PC)
Az. Agr. Poderone (FC)
Az. Agr. Chinosi Maria Luisa (PC)

Aziende volontarie
Az. Agr. Collinelle (RA)
Az. Agr. Brunetti  (BO)
La Fattoria dell'Autosufficienza (FC)

Presentazione del progetto (1579,94 KB)